documentari

MORAL BOMBING. L'ARMA DEL DOLORE
Il DVD

Scritto e diretto da Ezio Costanzo

“Moral Bombing” (bombardamento morale) era il termine con il quale, durante la Seconda guerra mondiale, si indicava il bombardamento totale indirizzato sulle popolazioni civili. Un’arma diabolica che ha sconvolto l’esistenza di intere popolazioni, seminando morte e distruzione. Le bombe servivano ad incutere terrore e l’obiettivo non era più rappresentato dai soldati nemici ma dalla gente, dalla popolazione civile. Gli ordigni dovevano incutere sgomento e terrore, oltre che morte, abbattere il morale di interi popoli. Il bombardamento a tappeto ideato e attuato massicciamente, specialmente sulla Germania, dal britannico Arthur Harris, soprannominato “il macellaio”. 

Il film-documentario di Ezio Costanzo pone in evidenza la crudeltà di tale strategia e mette in rilievo i drammi, fisici e psicologici, vissuti dalla popolazione, in particolari dai bambini, vittime inconsapevoli del terrore che pioveva dal cielo. Nel documentario viene rievocata, anche attraverso testimonianze, la strage nazista di Castiglione di Sicilia del 12 agosto 1943 che vide dodici civili uccisi a sangue freddo da parte di soldati tedeschi in ritirata. Nel documentario si affronta anche il tema delle conseguenze della guerra e i dei segni che le bombe hanno lasciato nel corpo e nella mente di tanti piccoli innocenti. Le vittime civili della Seconda guerra mondiale sono stati milioni nel mondo e ancora oggi gli ordigni inesplosi ritrovati nelle campagne provocano mutilazioni e morte. Le testimonianze di alcune vittime civili consentono di comprendere la reale portata di tale immane tragedia.


Ezio Costanzo, attraverso la narrazione del docu-film, con ricostruzione di scene e con immagini storiche di repertorio, racconta non solo la guerra ma anche le sciagure che essa porta con sé. E lo racconta attraverso il dramma vissuto di un bambino al quale la guerra porta via il fratellino coinvolto in un gioco tragico. Nel racconto del protagonista del documentario il ricordo della guerra affiora attraverso i suoi ricordi. Egli aveva nove anni quando, nelle campagne siciliane dove si era rifugiato con la famiglia per sfuggire ai bombardamenti, raccoglie da terra quello strano oggetto metallico lasciato da un gruppo di soldati americani. Inizia così il gioco con la morte. Il fratellino e la cuginetta si uniscono a quel gioco e poi un’esplosione squarcia l’aria. “A distanza di anni – racconta il protagonista – io ho dimenticato la guerra, i bombardamenti, la morte, le macerie. Ciò che non posso dimenticare è il male che le scelte scellerate degli adulti hanno fatto a noi bambini. No, questo non potrò mai dimenticarlo”.
Il film-documentario vede l’esordio cinematografico di tre bambini catanesi, Edoardo Carcassi, Matilde Marino e Emanuele Marino. Il protagonista-narratore è l’attore Riccardo Maria Tarci. Il montaggio è di Tahnee Drago, la fotografia di Giorgio Marino, le musiche originali di Salvo Coppola, il re-recording mixer di Michele Spadaro.

Edizione 2019, durata 45 minuti, lingua: italiano con sottotitoli in inglese e francese

PHIL STERN. SICILIA 1943, LA GUERRA E L’ANIMA
Il DVD

Scritto e diretto da Ezio Costanzo
(co-regia Filippo Arlotta)

Documentario sulla figura del grande fotografo americano, Phil Stern, e sul suo ritorno in Sicilia dopo 70 anni. Phil Stern, che nel dopoguerra è diventato il più grande fotografo dei divi di Hollywood e del Jazz, amico di James Dean e apprezzato da Marilyn Monroe e da Frank Sinatra, oltre che fotografo ufficiale del presidente John Kennedy,  è sbarcato in Sicilia nel luglio del 1943 con le truppe americane del generale Patton. Arruolatosi nei Rangers del colonnello Darby come fotografo, dopo avere ripreso la guerra in nord Africa viene mandato in Sicilia per immortalare lo sbarco anglo-americano e la conquista dell’Isola.

Stern è tornato in Sicilia nel luglio 2013 per inaugurare ad Acireale alla Galleria Credito Valtellinese la sua mostra fotografica – in esclusiva mondiale – di immagini scattate durante la seconda guerra mondiale nell’isola. La presenza in Sicilia del 93 enne pluripremiato fotografo americano è stata seguita dallo stesso curatore della mostra, Ezio Costanzo, che in questo documentario racconta quei giorni e la carriera di Stern.

Phil Stern ricorda quei momenti in una lunga intervista, ambientata nei pressi della spiaggia dove Stern sbarcò nell’estate del 1943; sulle sue parole scorrono le immagini che lo videro protagonista nei Rangers e e poi ad Hollywood come fotografo delle stars del cinema mondiale. Quindi il documentario si sofferma a raccontare i giorni del ritorno in Sicilia di Stern: le immagini scorrono da Catania a Comiso, a Licata, a Gela, a Noto dove Stern riceve cittadinanze onorarie e un’accoglienza entusiasmante.

Il documentario è anche l’occasione per mostrare gli splendidi luoghi dell’isola: le spiagge del lungomare gelese e licatese, luoghi storici legati allo sbarco del 1943, la presenza nelle campagne dei bunker e di molte testimonianze della seconda guerra mondiale, il barocco di Noto e di Catania, il centro storico di Comiso, il museo archeologico di Gela e quello dello sbarco in Sicilia delle Ciminiere di Catania dove sono state girate le scene finali del film.

Edizione 2013, durata 49 minuti, lingua: italiano con sottotitoli in inglese

Sicilia 1943. Lo sbarco alleato
Il doppio DVD

Scritto e diretto da Ezio Costanzo

L’evento che ha cambiato il corso della Seconda Guerra Mondiale raccontato in un film-documentario eccezionale.

Una quantità notevole di immagini inedite fa rivivere l’intera “Operazione Husky”, ovvero l’occupazione anglo-americana della Sicilia, cominciata il 10 luglio del 1943 e conclusasi il 17 agosto con la caduta di Messina e l’evacuazione delle forze italo-tedesche in Calabria.  Attingendo da una ricca documentazione d’archivio (Costanzo ha svolto ricerche negli Usa, in Inghilterra, in Germania, in Scozia, in Australia e in Canada), l’autore si addentra in quel periodo storico partendo da una breve ricostruzione delle vicende italiane ed europee alla vigilia dello sbarco e dalle decisioni prese a Casablanca da Churchill e Roosevelt, per poi raccontare i giorni dell’avanzata delle truppe anglo-americane sul suolo siciliano, la difesa (e la non difesa) dell’isola, le violente battaglie di Primosole (piana di Catania), di Agira, Gela, Troina, le conquiste di Palermo, Catania, Messina per arrivare all’armistizio del 3 settembre (reso noto l’8) di Cassibile, al Governo Militare Alleato e ai suoi rapporti con la mafia.

Il documentario mostra anche i drammatici momenti dei bombardamenti che hanno visto paesi e città siciliani rasi al suolo e la popolazione ridotta alla fame. Per la prima volta vengono alla luce i filmati che mostrano le macerie di molti luoghi dell’isola, la gente che spala i detriti dalle strade, le lunghe file dei bambini e degli anziani per la razione di pane. Messina, la città più bombardata dell’isola, appare in quei fotogrammi come una città fantasma, abbandonata dai suoi abitanti e ridotta ad un cumulo di macerie.

Doppio DVD con contenuti speciali, interviste, archivio foto e filmati inediti e con cartine delle aree di sbarco.

DVD 1: documentario della durata di 58 min., con sottotitoli in italiano e inglese

DVD 2: testimonianze dei protagonisti dell’epoca, contenuti speciali con archivio immagini e filmati di molti luoghi della Sicilia.

Edizione 2003